SIFILIDE ED ESAMI CORRELATI

Descrizione Esame: SIFILIDE ED ESAMI CORRELATI


Vedi:


Campione : 


Metodo: 


Consegna referto:  


 

COS'E' LA SIFILIDE?

La sifilide è una infezione causata dal batterio Treponema Pallidum.
Essa si trasmette principalmente per via sessuale o per via verticale cioè dalla madre al feto.
In assenza di cure la sifilide si sviluppa tipicamente in tre fasi:
=> dopo un periodo di incubazione di circa 1 mese, si osserva la fase primaria (solitamente in questa prima fase compaiono le prime lesioni nell'area dei genitali esterni che guariscono nell'arco di 2 mesi).
la guarigione delle lesioni non deve però trarre in inganno perchè, se l'infezione non è curata, il batterio rimane nell'organismo in forma latente e può dare l'avvio allo
=> stadio secondario che completa, tipicamente, la sua fase entro 2 anni, al termine dei quali la malattia entra in fase di latenza non infettiva che può mantenersi tale per tutto l'arco della vita.

Occasionalmente, anche dopo decenni dal contagio, può subentrare
=> la temuta fase terziaria, quella più pericolosa, in quanto in grado di provocare lesioni severe (perdita della capacità di controllare i movimenti muscolari, rischio di paralisi, confusione mentale, cecità graduale e sviluppo di demenza).

ESAMI CONSIGLIATI PER LA DIAGNOSI DI SIFILIDE

I tests di primo livello comunemente impiegati, come screening, per la diagnosi di sifilide, sono il TPHA e la VDRL.

  • Il TPHA è il test di elezione per individuare l'esordio della malattia, però tende a rimanere positivo anche quando la malattia è stata efficacemente contrastata con gli antibiotici e, comunque, anche durante la fase secondaria di latenza.
  • Il test VDRL ha una specificità più bassa rispetto al TPHA (può dare cioè false positività in pazienti con alterazioni non correlate con la sifilide).
    Però, nei casi "accertati" di sifilide, trattati con antibiotici, questo test tende a negativizzarsi: per questo motivo viene utilizzato per monitorare l'efficacia della terapia.

In caso di positività ai tests TPHA e VDRL, è necessario confermare ed approfondire lo stato dell'infezione, con ulteriori opportuni accertamenti diagnostici:

  • Il test FTA-ABS IgG - IgM è l'esame standard che viene tutt'ora utilizzato per la ricerca degli anticorpi IgG ed IgM diretti verso il Treponema Pallidum, ma la sua effettuazione è poca pratica e la valutazione dei suoi risultati non è sempre agevole.
  • E' stato pertanto introdotto un esame che valuta ugualmente la presenza di anticorpi anti treponema pallidum IgM ed IgG, ma con metodica immunoenzimatica, che garantisce però la stessa specificità e sensibilità del metodo FTA ABS.