CORTISOLO URINARIO

Descrizione Esame: CORTISOLO URINARIO


Vedi:


Campione: URINE 24 H


Metodo: IMMUNOELETTROCHEMILUMINESCENZA


Consegna referto: 3 gg


 Le forme di cortisolo ematico circolanti sono essenzialmente tre:


- La frazione libera (3% circa del totale), considerata la più significativa, ai fini diagnostici, perchè biologicamente attiva, dosabile sia sulle urine, sia sulla saliva (vedi cortisolo salivare).

- quella legata alle proteine di trasporto "specifiche" come la transcortina (CBG) e "non specifiche", come l'albumina;

- quella coniugata, esterificata con acido glucoronico o acido solforico.

Il dosaggio del cortisolo urinario ha sempre assunto e continua a conservare un ruolo importante, in quanto ci fornisce il valore medio di cortisolo libero (biologicamente attivo) prodotto durante l'arco di tempo, impiegato per la raccolta delle urine (12h - 24h) ecc.

Ultimamente, per le sue peculiari caratteristiche, sta assumendo un ruolo sempre più rilevante il dosaggio del cortisolo sulla saliva, che potrebbe essere utilizzato al posto del dosaggio del cortisolo urinario, perchè la determinazione sulla saliva

 

=> Consente di ottenere il valore della sola quota libera (biologicamente attiva) del cortisolo, unico parametro valido ai fini di una corretta valutazione clinica e diagnostica.

=> La raccolta del campione non è invasiva, è facile e adatta per ragazzi in giovane età, bambini, adulti e anziani.

=> La saliva può essere raccolta in diverse ore del giorno, cosa, questa, che ci consente di verificare agevolmente se è conservato il ritmo circadiano di secrezione del cortisolo.

=> I campioni possono essere conservati correttamente a casa in attesa di essere consegnati al laboratorio.

 

Dosaggio del cortisolo sierico, urinario e salivare: .................