CALPROTECTINA FECALE

Descrizione Esame: CALPROTECTINA FECALE


Vedi:


Campione: FECI FRESCHE


Metodo: IMMUNOENZIMATICO (ELISA)


Consegna referto: 3gg


La calprotectina è una proteina che si trova in quantità rilevante all'interno dei granuli citoplasmatici dei leucociti neutrofili (costituisce il 60% del contenuto totale dei granuli).

Dal momento che i processi infiammatori dell'organismo si accompagnano, generalmente, ad un accumulo soprattutto di leucociti neutrofili nei tessuti infiammati, questa proteina viene utilizzata, in medicina, come un marcatore indiretto di infiammazione.

 

I livelli di calprotectina  possono riflettere lo stato infiammatorio del distretto specifico in cui si va a misurare.

 

In particolare il dosaggio della calprotectina fecale è stato assunto come parametro per valutare la presenza di un processo infiammatorio a carico della mucosa intestinale:

  • per la sua elevata presenza nelle feci in corso di un processo infiammatorio intestinale;
  • per la particolare resistenza all' attacco degli enzimi proteolitici, presenti nelle feci, dovuto al suo legame con il calcio che le conferisce grande stabilità (stabilità 1 settimana a 4°C);

Studi recenti hanno confermato che la ricerca della calprotectina  fecale in pazienti con sintomi quali diarrea, dolori addominali, meteorismo, alternanza dell' alvo (diarrea/stipsi) 

                                                   oltre a rappresentare


un valido supporto per la diagnosi differenziale tra:

=> la sindrome dell'intestino irritabile (SII) (valori di calprotectina fecale nella norma)
=> e quelle patologie con processo infiammatorio a carico dell' intestino:

 

  • malattie infiammatorie croniche intestinali, rettocolite ulcerosa, morbo di Crohn,
  • diverticoliti, enterocolite infettiva,
  • trattamento con alcuni farmaci,
  • neoplasie dell'apparato gastroenterico,

                                                        si è dimostrato anche

    un utile strumento nel follow up per seguire l'andamento di tali patologie.