ANTICORPI ANTI EPATITE C

Descrizione Esame: ANTICORPI ANTI EPATITE C


Vedi:


Campione: Prelievo di sangue


Metodo: IMMUNOENZIMATICO


Consegna referto: 2gg


Gli anticorpi anti Epatite C si riscontrano nel siero di pazienti che sono venuti a contatto con il virus dell'epatite C (HCV).
La loro presenza indica che c'è stata un'esposizione al virus ma non indica che ci sia necessariamente un'infezione o malattia in atto.
La presenza del vius nell'organismo viene rilevata dalla ricerca dell' HCV-RNA 

La trasmissione del virus nell'organismo può avvenire:
-> per via parenterale (trasfusioni di sangue, utilizzo di oggetti quali, per esempio, pettini, forbicine di persone infette, scambio di siringhe infette,ecc.),
-> attraverso rapporti sessuali.

Il tempo di incubazione dell'infezione da HCV varia da 1 a 3 mesi.
La presenza del virus nel sangue (HCV-RNA positivo) si può riscontrare già dopo 15 gg dall'avvenuto contagio, mentre la positivizzazione degli anticorpi è piu' tardiva (6-8 settimane dopo il contagio).

 

Si è avuto modo di riscontrare che i pazienti con A.A.Epatite C positivi:
-> nel 20% dei casi vanno incontro ad una negativizzazione spontanea e persistente della viremia (HCV-RNA negativo),
-> nell'80% dei casi vanno incontro alla cronicizzazione della malattia.
La malattia cronica può essere caratterizzata da andamento incostante e difficilmente prevedibile, in cui si alternano periodi di quiescenza a fasi di riacutizzazione con progressione della malattia.
La progressione della malattia può essere agevolmente monitorata, a discrezione del medico, con indagini di laboratorio (transaminasi, gamma GT, elettroforesi sierica, criocrito, ecc.) e strumentali (ecografia, biopsia epatica, ecc.).